domenica 6 gennaio 2013

Tek dive Moregallo La befana


Eccoci qui, ancora a Moregallo ancora un tuffo tek
Il primo che arriva e Omar seguito da me e da Dario. Ci  prepariamo ed eccoci in acqua. La visibilità è maldiviana come solo inverno sa regalarci
Raggiungiamo le prime macchine, la torcia inizia a fare i capricci e a fornirmi luce a 25 watt anziché  a 50 watt. I collarini sono un pò scomodi e sento altro erogatore troppo vicino, piccole cose da migliorare.
Arriviamo al renault,-51 la narcosi si fa sentire nel senso che percepisco meno luce e erogatore sembra quasi erogare in modo anomalo s600.Un occhiata al mercedes e al panda e ritorniamo in parete, non sono molto concentrato, la narcosi c'è me ne accorgo la subisco, la sento , potrei concentrarmi sugli strumenti manometro ma sono distratto
Assetto è la nota dolente con s80 carica a 250 bar mi rende molto negativo devo  mettere aria nel gav, non devo lesinare!

Omar indica una bella botatrice sotto di noi e un branco di pesci nel verde
Arriviamo alla nicchia a -51 ,mi ripiglio un pò Omar si siede in grande stile e invertiamo al marcia il 17’ arriva in fretta, inizia la risalita dove bisogna avere un bel ritmo per rispettare la velocita di 10metri/minuto.
Sono frastornato è penso ancora alla bella botta che ho preso la sotto, soprattutto come ho lasciato entrare la narcosi e come mi ha accompagnato per tutta la permanenza


Ricetta per le prox volte: concentrazione su cosa sto guardando a volte è difficile al lago ma non mi bisogna abbassare la guardia

La deco scorre veloce al 46’ finisce e iniziamo gli esercizi previsti al 63’ siamo fuori.

 
 
 
 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie della tua visita.Se hai voglia di dire qualcosa, lo puoi fare nello spazio qui sotto. Ciao