martedì 5 maggio 2015

Tek dive Haven e Portofino Maggio 2015

Abbiamo appena lasciato il porticciolo turistico di Arenzano, le nubi che ci avevano fatto compagnia per tutto il viaggio di andata in autostrada, ora hanno lasciato spazio a un bel sole .Il mare è calmo e le condizione meteomarine sono migliori rispetto alle aspettative.
Sul gommone oltre a Pippo titolare di Havendiving di Arenzano ci siamo io e Antonio e due Rebdiver Austriaci. Siamo davvero comodi  e in pochi minuti ci ormeggiamo sulla verticale del relitto.
C'è un po' di corrente in superficie, viene lanciata una cima .Gli austriaci con scooter guadagnano per primi l'acqua, hanno pianificato un run time di 75' e sono diretti a prua.
Per quanto ci riguarda  scenderemo con Pippo, abbiamo pianificato  il solito giro in aria per  25 di fondo .
Ci vestiamo comodamente ,Antonio salta in acqua per primo e mentre mi accingo a fare una agile capriola ,mi accorgo che Pippo ha un problema con le staffe/dadi/bulloni sulla piastra del bibombola.
Il bibo gli balla sulla schiena vuole sistemare la cosa prima di scendere.
Cercano di avvitarlo , ma non è un operazione semplice da fare su un tubolare di un gommone, nel frattempo il runtime per Antonio è già iniziato e rimane a mollo un quarto d'ora prima che riescano a mettere "una pezza" a questa situazione..........

Ok ci siamo,  si può andare. Mi aggancio in autonomia la deco con ossigeno e mi faccio clippare ean50 e giù in acqua.
Per raggiungere la cima di discesa è necessario qualche colpo di pinna  ben assestato .La visibilità nei primi metri non è eccezionale, scarichiamo i gav e scendiamo diretti vs il cassero. Scendo veloce e penso  a che visibilità troveremo. La mia domanda ha subito una risposta. A -15mt ecco apparire la "Signora di Arenzano", in tutto il suo splendore wow, che spettacolo
 In 1' sono sulla tuga ,la visibilità è buona ma c'è una fastidiosa corrente .La cima che collega il castello alla ciminiera vibra ,cerco di capire con la ns guida da che parte dovremmo scendere per esseri riparati o  vs poppa o verso la murata di prua. Decidiamo  di scendere sul lato di  destra ,passiamo sotto il ponte lance a filo coperta a -55.In questa zona fortunatamente la corrente è sparita. Ci sono delle lenze ,prestiamo attenzione e ci portiamo nella parte di prua. Come pianificato ci caliamo nel boccaporto della sala pompe . Mi muovo con attenzione non voglio intorpidire acqua .Scruto avidamente ogni angolo con la speranza di trovare qualche piccola aragosta o galatea,.ma nulla .Di fronte a me una porticina ,durante il briefing  si parlava di uscire da quella parte, ma a me sembra troppo stretta, ritorno sui miei passi. Noto un ulteriore passaggio/buco che si apre sotto di noi chissà cosa c'è la sotto a -60. Usciamo dalla sala pompe siamo a -55 e siamo diretti vs la zona di poppa dove faremo il passaggio nel corriodio officine. Sulla dx troviamo la morsa ,solita girata ,un occhiata a qualche porticina sulla mia sinistra un occhiata  sopra la testa per catturare qualche immagine suggestiva  usciamo sul lato di destra  e ci portiamo vs il fumaiolo. Mi fermo, guardo Antonio e lo invito ad osservare  dal basso vs alto il castello di poppa e il fumaiolo che si scagliano del blu, .Sono queste immagini che più mi esaltano dell'Haven , guardare il castello di poppa dal basso vs alto completamente avvolti da boghe e anthias che nuotano freneticamente  non ha prezzo , sono ricordi unici.
La corrente a poppa tira ....non riusciamo a fare il giro completo ,torniamo sui nostri passi. Sono quasi 20 minuti che giriamo sulla coperta tra i 50 e 55 metri, stacchiamo e ci portiamo in prossimità del ponte comandante a -40.
Pippo come da accordi ci lascia. Noi faremo ancora 5 minuti all'interno nel ponte di comando.
Facciamo un giretto all'interno, un saluto al bambin Gesù di Praga e arriva il 25'. E' il  momento di lasciare Haven ,il mio computer  mi segnala 50' di decompressione   .Raggiugiamo la cima e metro dopo metro completiamo la ns decompressione seguendo il profilo che abbiamo scritto sulle ns tabelle da polso.
Risaliti sul gommone ci scambiamo impressioni con i ragazzi Austriaci, in qualche modo ci capiamo . Antonio è entusiasta anche se un po' provato dalla lunga decompressione.
Ritorniamo in porto e tra una focaccina e un bicchiere di aranciata chiudiamo in bellezza la mattinata.
Ora per la maggior parte delle persone la giornata sarebbe finita, ma noi abbiamo voglia di acqua e per il pomeriggio abbiamo pianificato un altra immersione tecnica nel area marina protetta di Portofino. Trattasi della collaudata e famosissima formula "Full-day mobile" nota ai membri nel nostro piccolo team
Prima di lasciare Arenzano ci rifocilliamo al chioschetto all'ingresso del porto dove possiamo ammirare un fantastica vista mare e soprattutto possiamo ammirare i primi culi pallidi che fanno bella mostra sulla spiaggia di Arenzano.
Carichiamo in macchina i bibi e tutto senza neanche smontare e raggiungiamo Abyss diving di Rapallo.
Al diving staff al completo .Saluti di rito e poco dopo le 15:00 prendiamo il largo diretti vs punta della Torretta. Siamo svegli dalle 5 di mattina, un pò di stanchezza si fa sentire ma appena la barca ormeggia, in meno di tre minuti siamo i primi a prepararci e bibi in spalla saltiamo in acqua pronti per questo secondo tuffo.Abbiamo pianificato altri 25' di fondo tra i 40/45 metri. Deco a tabelle ean50+02
La visibilità non è ottima ma comunque decente, il mal tempo dei giorni scorsi ha lasciato il segno. Trascorriamo il ns tempo di fondo lungo la parete dove enormi gorgonie rosse la fanno da padrona. .Lo scenario è superlativo facciamo la massima 47mt e giriamo intoro a degli scogli intorno ai 45mt .Perlustriamo ogni spacca ma nessun incontro degno di nota, stacchiamo, il mio computer da polso mi segnala 35' di decompressione  .Arriviamo ai 21 e inizia il divertimento. Gigantesche cernie appaiono dietro ogni scoglio, branchi di eleganti corvine ci sfilano davanti, in compagnia di un carosello di barracuda che ci sfila davanti ripetutamente, per tutta la parte alta delle decompressione..... Riemergiamo soddisfatti e appagati della bellissima giornata di mare.






4 commenti:

  1. Vah che bel report, La grande Signora non delude mai! Il giro pomeridiano a Paraggi invece lo devo ancora fare...
    Taz

    RispondiElimina
  2. E ieri nel pomeriggio ci siamo fatti un bel promontorio fondo :) non mancheremo di fare un bel paraggi!! la stagione è appena iniziatat

    RispondiElimina
  3. Sempre al TOP!!! Belle anche le foto delle facce azotate… con invidia si intende!!!
    Prrrrrrr!
    Omar

    RispondiElimina
  4. Ciao, ma chi è quel figaccione che hai fotografato difronte al diving............perchè di solito sei accompagnato daaaaaaaaaaa cessiiiiiiiiiiiiiiiii...............per non dire ratti........ahahahahahah

    RispondiElimina

Grazie della tua visita.Se hai voglia di dire qualcosa, lo puoi fare nello spazio qui sotto. Ciao